lunedì, dicembre 10, 2018
Milano 4 you 2018, la Giunta approva il Piano integrato di intervento

Nella seduta di giovedì 27 settembre la Giunta Comunale ha approvato il PII Milano 4 you 2018, l’intervento immobiliare privato nell’area di via Di Vittorio al confine con Pioltello, che prevede in particolare la realizzazione di nuove abitazioni, case in social housing, uffici, negozi di vicinato e media distribuzione, residenze per anziani non autosufficienti. Si tratta dell’ultimo atto pubblico del Programma Integrato di Intervento, già PII Cascina Boffalora, che dal primo via libera del Consiglio Comunale nel 2004 ha percorso un iter amministrativo e di attuazione molto lungo e discontinuo.

Riavvolgiamo allora il nastro e ripercorriamone gli atti degli ultimi tre anni. L’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Paolo Micheli è intervenuta a pochi mesi dall’insediamento, il 19 novembre 2015, con una delibera di non approvazione del PII Milano 4 you, adottato dalla precedente Giunta il 28 maggio 2015 tre giorni prima delle elezioni amministrative. Una nuova proposta, con volumetrie e urbanizzazioni ridotte in modo molto consistente, è stata approvata dal Consiglio Comunale il 20 febbraio 2017, ma dopo un anno dalla data di approvazione del PII, cioè alla scadenza del 20 febbraio 2018, i proponenti hanno chiesto una proroga del termine di sottoscrizione della convenzione, proroga concessa a termini di Legge per permettere agli operatori di trovare le necessarie garanzie economiche e fideiussorie per il proseguimento dell’iniziativa. All’approssimarsi della nuova scadenza è stata richiesta dagli operatori una modifica della convenzione, e un rinvio del termine di presentazione delle fidejussioni. La richiesta però è giunta tardi e il 21 maggio 2018 il piano è decaduto.

Il 25 maggio scorso le società Vegagest e Red hanno chiesto la riadozione del PII approvato dal Consiglio Comunale in conformità al Piano di Governo del Territorio varato nel 2017. Contestualmente Vegagest ha depositato una atto unilaterale d’obbligo in cui si impegna a sottoscrivere la convenzione entro 6 mesi dalla approvazione, dimezzando i termini a norma di legge, così come richiesto dall’Amministrazione Comunale. Il nuovo PII adottato e approvato dalla Giunta, che ricalca esattamente i contenuti del Piano approvato dal Consiglio Comunale, garantisce all’ambito della Boffalora di sviluppare attività pubbliche e di rilevanza ambientale e storica: corridoi ecologici e recupero del cascinale.

“Abbiamo lavorato concretamente affinché gli errori commessi nel passato, a danno degli attuali residenti, venissero adeguatamente corretti – spiega il sindaco Paolo Micheli -. Siamo soddisfatti e orgogliosi di aver operato responsabilmente per il bene dell’intera comunità segratese, diminuendo le volumetrie, con tempi molto rapidi anche grazie all’impegno dei tecnici del Comune, al fine di accelerare il più possibile la riqualificazione di un’area di Segrate che rappresenta per la città una ferita aperta da troppi anni”.

“Le ricadute pubbliche dell’intervento sono diverse – spiega l’assessore al Territorio Roberto De Lotto -: oltre alla sistemazione della viabilità negli incroci Cassanese angolo via Di Vittorio e di via Di Vittorio angolo via Morelli, è prevista la riqualificazione del complesso cascinale Boffalora che ospiterà un centro culturale. Inoltre abbiamo salvaguardato la frazione nord dell’area, destinata a bosco”.

Tags: , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Novembre 2018

Seguici: