domenica, 5 Aprile, 2020
L’export manifatturiero lombardo è di 91 miliardi in nove mesi, crescono farmaceutico e moda

Manifatturiero lombardo nel mondo: un business che nei primi nove mesi del 2019 ha raggiunto i 91 miliardi e mezzo di euro di export, stabile rispetto allo scorso anno, rappresenta il 27% del totale italiano che è di 337 miliardi (+2,1%). Tra i principali settori, in crescita il farmaceutico che passa da 4,9 a 6 miliardi in un anno (+26%), la moda da 10 a 10,4 miliardi (+3,5%) e la gioielleria, da 619 a 674 milioni (+8,8%). Germania, Francia ma anche Stati Uniti in forte aumento (+17,6%) sono le maggiori destinazioni delle esportazioni. Tra i primi 20 partner in crescita anche Corea del Sud (+10,3%), Austria (+4%), Paesi Bassi (+2,5%) e India (+2,3%). Ma per sapere dove va l’export lombardo per settore, quali sono i maggiori mercati, quali gli emergenti ecco la mappa: “L’export manifatturiero lombardo nel mondo – Manufacturing, from Lombardy to the world”, realizzata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e da Promos Italia, la struttura per l’internazionalizzazione del sistema camerale italiano, sui dati Istat a settembre 2019 e 2018. La mappa, disponibile in italiano e inglese, è scaricabile al link https://www.promos-milano.it/informazione/note-settoriali/l-export-manifatturiero-lombardo-nel-mondo.kl “Il manifatturiero si conferma un traino per l’export nazionale e per quello lombardo – spiega Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia – Nella regione, nei primi nove mesi del 2019, l’export ha superato i 91 miliardi di euro, rappresentando il 27% del totale italiano. L’obiettivo nel 2020 è far crescere ulteriormente questi dati, così come il numero di aziende esportatrici lombarde del settore”.

Macchinari, metalli, moda e chimica i prodotti lombardi più esportati – I macchinari raggiungono quasi i 17 miliardi (19,5% del totale). Seguono i prodotti in metallo (14,5 miliardi, 15,8%), la moda (10,4 miliardi, 11,4%) e i prodotti chimici (10 miliardi, 11,1%). Sempre più alimentari lombardi arrivano negli Stati Uniti (+18,8%) e in Canada (+14%), tessili in Austria (+66,5%), legno in Algeria (+239,9%), prodotti chimici in Svizzera (+12,1%) ed Emirati Arabi Uniti (+10%), farmaceutici in Canada (+107,5%), petroliferi raffinati in Slovacchia e Bosnia-Erzegovina, gomma nella Rep. Ceca (+8,3%), metalli in India (+63,3%) e Russia (+22,8%), computer in Corea del Sud (+22,9%), apparecchi elettrici in Norvegia (+149%), macchinari in Corea del Sud (+30,9%) e Messico (+14,1%), mezzi di trasporto in Portogallo (+63,1%), prodotti delle altre attività manifatturiere nei Paesi Bassi (+30,5%) ed Emirati Arabi Uniti (+29,3%) e, in particolare, i mobili raggiungono sempre di più Corea del Sud (+22,8%), i gioielli gli Emirati Arabi Uniti (+123,1%) e il Messico (+63,5%) mentre, seppure su cifre minori, gli strumenti musicali vanno in Indonesia, i giocattoli in Croazia e gli articoli sportivi alle Mauritius.

L’export manifatturiero lombardo e italiano per provincia – Nella classifica generale Milano, prima con 32 miliardi di export, in crescita del 4,4% vale un decimo del totale nazionale. È seguita da Torino e Vicenza con oltre 13 miliardi. Quasi 12 miliardi anche per Brescia 4°, Firenze 5°, Bologna 6° e Bergamo 7°. Tra le prime 20 anche le lombarde Varese 13°, Monza Brianza 15°. A livello nazionale a crescere di più sono Firenze (+28,9%), Bologna (+11,9%), Arezzo (+34,7%), Latina (+43,7%) e Frosinone (+17,7%). A livello regionale segno più anche per Pavia (+11,7%), Lodi (+3,6%), Sondrio e Cremona (+1%). Per prodotto, Milano eccelle per prodotti chimici apparecchi elettrici, macchinari ma anche per computer ed elettronica insieme a Lodi e Monza Brianza. Brescia prima per metalli, Cuneo per alimentari, Firenze e Milano per abbigliamento, Lucca per legno, Siracusa e Cagliari per prodotti petroliferi raffinati, Latina per farmaceutici, Modena per articoli in gomma, Torino per mezzi di trasporto, Belluno e Treviso per prodotti delle altre attività manifatturiere tra cui gioielleria e mobili.

Tags: ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Marzo 2020

Seguici: