mercoledì, Maggio 18, 2022

È uno dei temi del momento, se ne parla moltissimo, ma non sempre con la competenza necessaria. Si tratta delle valvole termostatiche, le manopole di regolazione con cui è possibile impostare la temperatura che si vuole raggiungere in ogni singolo ambiente della nostra casa, Grazie ad esse si mantiene automaticamente costante la temperatura impostata, consentendo o no l’afflusso dell’acqua calda nel radiatore.
Raggiunta la temperatura desiderata, nell’ambiente in cui è installato il calorifero, il flusso dell’acqua calda si interrompe automaticamente.
La valvola è però solo una delle due parti del meccanismo che sta rivoluzionando il concetto di riscaldamento nelle nostre case: la valvola non avrebbe infatti senso senza i ripartitori elettronici dei costi di riscaldamento, apparecchi a doppio sensore con due sonde termiche ad alta precisione per radiatori e aria ambientale.
I ripartitori elettronici di calore funzionano con una propria alimentazione indipendente dalla rete ed effettuano un continuo automonitoraggio.
Sono proprio loro a mostrarci in modo sicuro, semplice e chiaro quanta energia stiamo consumando.
E sono loro ad indicare al pannello centrale quanta energia stanno consumando i singoli utenti del condominio.

Questa rivoluzione permette un importante risparmio energetico, una sensibile diminuzione dell’inquinamento ed un risparmio economico importante per le famiglie, perché con le valvole termostatiche si andrà a pagare solo quello che si consuma: in sostanza, un utente “caloroso” non dovrà più sopportare una temperatura condominiale eccessivamente alta per le sue esigenze e in più anche pagare un consumo elevato di energia.
Anche se in realtà nella bolletta rimarrà ancora una quota fissa, da pagare sempre in base ai millesimi, che va dal 30% al 50%, per evitare i cosiddetti “furti di calore”: un condomino potrebbe lasciare il suo riscaldamento costantemente spento e avrebbe comunque l’abitazione parzialmente riscaldata dai “vicini di casa”. Inutile dire che il settore dell’efficientamento energetico degli edifici residenziali ha conosciuto un boom notevole negli ultimi anni, con aziende magari anche improvvisate.
Non è certo questo il caso di Evolve Sri che da anni è impegnata in questo campo oltre che nella trasformazione del gasolio in gas metano. “Purtroppo l’utilizzo delle valvole termostatiche e dei ripartitori – ci spiega Guido Ghirardi, Ad di Evolve Sri – è stato fatto passare spesso solo come un obbligo di legge e quindi il cittadino lo vede sotto un alone negativo, come fosse una tassa da pagare.
Questa chiave di lettura ha purtroppo oscurato i molteplici benefici per le famiglie e per la salute del pianeta che comporta questo nuovo modo di ragionare, basato su criteri di equità e trasparenza”.

Tags: , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Maggio 2022

Seguici:

INSTAGRAM