domenica, 23 Febbraio, 2020

Segrate è stato nuovamente riconosciuto Comune che promuove salute sul luogo di lavoro e nella comunità cittadina. La cerimonia con le aziende accreditate per il 2015 si è tenuta il 15 dicembre nel corso del 2° Convegno Programma WHP di ASL Milano 2. L’evento ha avuto luogo nella sede Eni a San Donato Milanese. E’ stata l’occasione per presentare i dati regionali e locali delle realtà che hanno aderito al Programma WHP Workplace Health Promotion*, attuando al proprio interno iniziative di promozione della salute nei luoghi di lavoro. Segrate, gìà nel Programma WHP 2014, è stata riconfermata anche per il 2015.
“Siamo orgogliosi di far parte del Programma – commenta Santina Bosco, assessore ai Servizi Sociali –, sia per le iniziative che stiamo portando avanti per la salute dei nostri dipendenti e in generale per il benessere della comunità cittadina sia per il fatto che si contano sulle dita di una mano i comuni lombardi che aderiscono alla rete WHP, e Segrate è tra questi”.
Per ottenere la certificazione di “Azienda che promuove salute” e vederla riconfermata di anno in anno, il Comune si impegna ad attuare due azioni all’anno per tre anni. Per il 2015 Segrate ha scelto di contrastare il fumo e di promuovere l’attività fisica. Nella prima direzione, oltre a far osservare le normative sui divieti di fumo nei luoghi di lavoro, l’ente ha adottato una no-smoking policy e ha effettuato tra i dipendenti una campagna di informazione per la diffusione della app “Quanto fumi?” sviluppata dal Ministero della Sanità per monitorare il numero di sigarette fumate con l’obiettivo di ridurre fino a smettere. L’applicazione fornisce i numeri dei Centri Antifumo e una serie di servizi utili per chi vuole provare a smettere.
E’ stato pubblicizzato inoltre il servizio gratuito “Icoach” attivato dalla Commissione Europea, che invia agli iscritti mail periodiche motivazionali a sostegno del proprio percorso di abbandono del fumo con questionari, feedback e utili consigli. Uno strumento online gratuito basato su ricerche scientifiche approfondite ed esperienze cliniche di psicologi ed esperti della comunicazione. Per saperne di più è possibile cliccare sul sito www.exsmokers.eu/it-it.
A disposizione dei dipendenti è stata messa anche la guida “Smettere di fumare” che fornisce indicazioni, consigli e strategie, basate su ricerche scientifiche realizzata dall’Istituto Superiore di Sanità, Osservatorio Fumo, Alcol e Droga. L’opuscolo, che si può leggere, stampare, compilare e personalizzare, costituisce un valido percorso da seguire per smettere di fumare. I lavoratori dell’ente hanno potuto anche trovare nella brochure realizzata da Regione Lombardia per chi fuma  consigli per smettere, informazioni sulle strutture d’aiuto e anche un test per valutare la propria dipendenza.
Per quanto riguarda la promozione dall’attività fisica, secondo obiettivo per il 2015 che comunque l’amministrazione persegue da anni, i dipendenti ad oggi possono usufruire di convenzioni con palestre, piscine, centri sportivi e scuole di danza, un gruppo di cammino attivato da alcuni colleghi e una palestra dedicata al personale della polizia locale.
E’ stata attuata anche una campagna informativa interna sull’importanza dell’attività fisica attraverso  l’affissione, in corrispondenza degli ascensori, di cartelli per incentivare l’uso delle scale. Per incoraggiare l’utilizzo della bicicletta negli spostamenti casa–lavoro è stato realizzato un parcheggio coperto per le due ruote e i dipendenti sono stati sensibilizzati a usare le piste ciclabili cittadine. Sono state pubblicizzate inoltre le app gratuite per il monitoraggio dell’attività fisica e contapassi come Nike Running, RunKeeper, Runtastic Sportcoach.
Tutto il materiale è recuperabile dalla homepage del sito del Comune cliccando alla voce “Azienda che promuove salute”.
“Oltre che a promuovere il benessere psicofisico dei dipendenti – conclude l’assessore Bosco –, l’amministrazione è impegnata a tutelare la salute dei cittadini attraverso una politica mirata a favorire gli spostamenti a piedi e in bici già a scuola, a richiedere nelle mense un’alimentazione sana e bilanciata, obiettivo WHP del 2016, anche esponendo come già avviene cartelli ad hoc, a portare avanti progetti di sensibilizzazione nelle classi, ad attuare misure finalizzate a ridurre l’inquinamento atmosferico per una città più vivibile sotto il profilo della qualità dell’aria che respiriamo. Ricordo in tema di salute e prevenzione che in municipio sono attivi anche uno Sportello Sanitario e la Memory Clinic che in collaborazione con l’ospedale San Raffaele propone screening della popolazione over 65enne sulle demenze e uno sportello ascolto per preparare i familiari a gestire gli anziani con problemi di memoria”.
*La rete WHP Lombardia è una rete di luoghi di lavoro che si impegnano a realizzare buone pratiche nel campo della promozione della salute dei lavoratori, secondo un percorso predefinito la cui validità è garantita da esperti delle Aziende Sanitarie Locali, della Regione e del Ministero della Salute.In Regione Lombardia la Rete ha ricevuto impulso da una serie di provvedimenti Regionali che hanno definito obiettivi e modalità di intervento delle ASL nel campo della promozione di stili di vita favorevoli alla salute negli ambienti di lavoro. Il concetto di Promozione della Salute nei contesti occupazionali (Workplace Health Promotion o WHP) presuppone che un’azienda non solo attui tutte le misure per prevenire infortuni e malattie professionali ma si impegni anche ad offrire ai propri lavoratori opportunità per migliorare la propria salute, riducendo i fattori di rischio generali e in particolare quelli maggiormente implicati nella genesi delle malattie croniche.
I luoghi di lavoro che promuovono la salute, ad esempio, incentivano e promuovono l’attività fisica, offrono opportunità per smettere di fumare, promuovono un’alimentazione sana, attuano misure per migliorare il benessere sul lavoro e oltre il lavoro.

 

Tags: , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Febbraio 2020

Seguici: