domenica, Agosto 25, 2019

I “makers“, nuovi artigiani digitali, sano stati i protagonisti dell’edizione 2016 del Premio “Gabriele Lanfredini“, l’ambito riconoscimento che ricorda la straordinaria figura dello storico segretario generale dell’Unione Artigiani di Milano, organizzato dalla Fondazione che prende il suo nome, da Camera di Commercio di Milano e Unione Artigiani di Milano. L’appuntamento ha avuto luogo il 13 maggio presso la Camera di Commercio di Milano a Palazzo Turati. L’apertura dei lavori è stata affidata a Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio di Milano, e a Marco Accornero, segretario generale dell’Unione Artigiani di Milano, cui seguirà l’intervento del giornalista di Nova 24 – il Sole 24 Ore, Luca Tremolada. La cerimonia di premiazione è invece stata presieduta da Stefano Fugazza, presidente della Fondazione “Gabriele Lanfredini” e dell’Unione Artigiani di Milano, e ha visto la consegna di riconoscimenti al mondo dell’informazione, alle imprese artgiane, alla formazione e alla cultura.

Per la categoria “informazione” è stato premiato Luca Tremolada, giornalista professionista, ricercatore e scrittore, per la sua attenzione alle tematiche dell’innovazione digitale e alle ricadute di questo fenomeno nel mondo dell’impresa.

Per la categoria “formazione” riconoscimento al FabLab di SIAM, testimonianza della dinamicità di un’istituzione della formazione artigianale milanese che con un laboratorio all’avanguardia nei settori della stampa 3d, Arduino, Droni e DF guarda al futuro, amplia e aggiorna la propria offerta formativa con un’attenzione alle nuove tecnologie.

Per la categoria “imprese”, premio ad Alex Gioielli di Alessandro Lucca, impresa orafa della famiglia Lucca con oltre 25 anni di esperienza nel settore della gioielleria artigianale, che utilizza le più avanzate tecnologie di progettazione (software MATRIX, stampante per resine in 3D) e di realizzazione (saldatrice laser, buratto con aghi magnetici e pantografo per incisione di fedi e medaglie) per la produzione dei proprio prodotti,  esprimendo nei propri pezzi unici, originali e di altissima qualità, un perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione.

La Commissione ha infine deliberato di assegnare una menzione speciale alle dottoresse Cristina Bon e Valentina Villa dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano per l’importante ricerca storica svolta sul ruolo dell’artigianato milanese nello sviluppo economico e sociale della nostra città, i cui risultati sono raccolti nel volume “Lavoro e passione. Milano e l’artigianato del boom economico”.

 

Tags: , , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Luglio 2019

Seguici: