domenica, Agosto 25, 2019
E’ stato donato da Tiziano Pozza , volontario del gruppo cittadino della protezione civile, il nuovo defibrillatore semiautomatico posizionato all’interno del comando della polizia locale. Un gesto di grande generosità fatto in memoria della madre che consentirà di avere a disposizione un altro preziosissimo strumento salvavita in un edificio pubblico molto frequentato. Il defibrillatore potrà servire per prestare soccorso non solo ai cittadini, ma anche al personale in servizio. Alcuni agenti della polizia locale hanno già sostenuto il corso per imparare a utilizzarlo.
“Grazie alla collaborazione di associazioni, aziende, sponsor e singoli cittadini – commenta Viviana Mazzei, assessore alla Salute -, prosegue la copertura del territorio comunale con strumenti finalizzati a prestare interventi di primo soccorso”.
Nello specifico, la presenza di un defibrillatore in caso di arresto cardiocircolatorio è vitale nei primi 5 minuti dall’evento. In Italia ogni anno si verificano 60.000 casi di arresto cardiaco.
“Sono dati – prosegue l’assessore -, che sottolineano quanto sia importante avere a disposizione il maggior numero di queste apparecchiature in luoghi strategici”.
In città quattro defibrillatori sono stati messi a disposizione della comunità dall’Avis locale nell’ambito del progetto “Segrate cardiosicura”, collocati uno al Centro Verdi, in collaborazione con la Misericordia, gli altri al palazzetto dello sport di via XXV Aprile, al campo sportivo Pastrengo di via I Maggio e al centro Don Giussani. Insieme al Comune sono stati organizzati corsi finalizzati a insegnarne l’utilizzo sia per i dipendenti comunali che per i cittadini.
Inoltre un defibrillatore è presente all’esterno di ciascuno dei sei plessi dell’Istituto Comprensivo Schweitzer grazie all’adesione della scuola al progetto “Promuoviamoci” organizzato dalla società Pubblikoinos e sostenuto da Cogeser e da sponsor del territorio con l’obiettivo di sviluppare nei ragazzi della scuola primaria e secondaria responsabilità sociale nei confronti della tematiche relative al primo soccorso. Il progetto prevede la formazione dei docenti al corretto uso delle apparecchiature e dimostrazioni didattiche per gli studenti delle manovre di rianimazione cardiopolmonare.
Tags: , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Luglio 2019

Seguici: