domenica, Luglio 3, 2022

Un progetto di accoglienza nato da un’idea condivisa: tutti, nessuno escluso, siamo chiamati a fare una riflessione profonda sul tema dei rifugiati e sulla gestione dell’emergenza migratoria di quanti fuggono da guerre e fame. Sono queste le motivazioni che hanno spinto il Comune di Cernusco sul Naviglio a farsi parte attiva per dare il via, a partire dal mese di agosto, a un percorso condiviso con Caritas cittadina così da poter accogliere alcuni rifugiati in città. Nel corso dei mesi si è arrivati all’elaborazione di un progetto strutturato insieme alla cooperativa Farsi Prossimo, realtà fondata nel 1993 su iniziativa della Caritas Ambrosiana per dare una risposta operativa a situazioni di emergenza e di povertà e che proprio sul frangente dell’accoglienza di profughi e rifugiati è in questi mesi impegnata in prima linea. Da questo percorso è nato un protocollo per l’accoglienza di quattro persone che saranno segnalate alla cooperativa Farsi Prossimo dalla Prefettura e che arriveranno a Cernusco sul Naviglio nei prossimi giorni. Qui saranno ospitate in un alloggio di proprietà comunale che da qualche tempo era stato messo in vendita ma che, non avendo per il momento ricevuto proposte di acquisto, è stato ristrutturato con il fine di essere messo a disposizione del progetto di accoglienza. L’appartamento è stato già arredato con mobili messi a disposizione della Caritas. “Pur non obbligati a mettere a disposizione spazi da dedicare ai rifugiati e non avendo strutture di ampie dimensioni (come palestre ed ex scuole) libere e fruibili, abbiamo pensato che fosse necessario come istituzione mettere in campo azioni concrete per dare una risposta agli appelli sul tema dell’accoglienza – spiega il sindaco Eugenio Comincini, che ha anche scritto una lettera aperta rivolta alla città per spiegare ai cernuschesi la strada intrapresa -.  Siamo fortemente convinti che la nostra comunità sia da sempre sensibile a questi temi e disponibile nel fare la propria parte per il prossimo con iniziative a sostegno dei più fragili e deboli. Interpretando questo sentire comune e accogliendo l’appello rivolto alle Amministrazioni comunali sia dalle istituzioni civili che dal mondo religioso, abbiamo quindi deciso di fare la nostra parte. Pur piccola, certo, ma costruita con responsabilità e consapevolezza, nel pieno rispetto di chi accoglieremo e della nostra città”. “Fa parte della natura della fede cristiana il fatto di aprirsi e della nostra comunità di non essere indifferente davanti alle necessità dei deboli – ha detto il prevosto di Cernusco don Ettore Colombo -. Diverse sono state negli ultimi mesi le sollecitazioni arrivate da più parti, fino al messaggio-appello rivolto dal Pontefice alle parrocchie e alle famiglie perché ognuno potesse fare la propria parte. Da qui nasce sia la collaborazione con il Comune che la volontà della nostra comunità di individuare alcuni spazi in cui accogliere rifugiati, che si andranno a sommare all’appartamento messo a disposizione del Comune”. I profughi che arriveranno in città, non saranno solo ospitati nell’appartamento messo a disposizione del Comune: operatori e volontari di Farsi Prossimo e Caritas cittadina li seguiranno passo dopo passo dando loro supporto per l’ottenimento dei documenti, l’orientamento al lavoro, la frequenza di corsi di italiano e, più in generale, il sostegno per lo sviluppo di un progetto di autonomia e inserimento sociale. “In particolare, Farsi Prossimo si occuperà di fare da tramite con la Prefettura, che corrisponderà una diaria giornaliera di 33 euro per ogni rifugiato – ha spiegato Paolo Grassini, responsabile dell’area housing sociale della cooperativa Farsi Prossimo -. Il contributo servirà a sostenere le spese vive del progetto, le spese dell’alloggio e le spese di vitto”. I rifugiati accolti, d’intesa con la Prefettura, potranno essere impiegati anche in lavori socialmente utili o in piccole manutenzioni di spazi pubblici cittadini: sarà questo un modo con il quale le persone ospitate potranno in prima battuta aprirsi alla città che li accoglie.

 

 

 

Tags: , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Giugno 2022

Seguici:

INSTAGRAM