domenica, Luglio 3, 2022

Dalla digitalizzazione delle scuole al trasporto passando per il sostegno ai disabili fino al Nuovo Polo scolastico e ai progetti didattici condivisi con gli istituti scolastici che puntano a rendere i bambini di oggi cittadini consapevoli di domani. Ieri sera il Consiglio Comunale ha approvato a maggioranza e senza nessun voto contrario il nuovo Piano di Diritto allo Studio per l’anno scolastico 2015/2016, frutto di un lavoro congiunto tra uffici comunali e direzioni scolastiche. Obiettivo: rendere l’offerta formativa delle scuole cernuschesi sempre più ampia a ricca. Il Piano, del valore complessivo di oltre 5 milioni e 900mila euro investiti dall’Amministrazione comunale per tutto quel che riguarda il ‘mondo scuola’ (dagli arredi scolastici ai progetti didattici, dall’assistenza alle manutenzioni, dal trasporto alla realizzazione del Nuovo Polo Scolastico), si rivolge a oltre 3.300 alunni che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado con un trend negli ultimi anni in continua crescita (si è passati dai circa 2800 dell’anno scolastico 2009/2010 agli attuali 3310 dell’anno scolastico 2015/2016). “Il piano per il Diritto allo Studio rappresenta uno strumento essenziale attraverso il quale l’Amministrazione comunale sostiene e garantisce l’azione delle Istituzioni scolastiche ,in un’ottica di collaborazione e condivisione – spiega l’assessore all’Istruzione Rita Zecchini -. Negli ultimi anni, e in particolare dopo la realizzazione della cosiddetta autonomia scolastica, il ruolo degli Enti locali si è profondamente modificato: oggi ricoprono una funzione sempre più importante, devono contribuire al potenziamento dell’offerta formativa e sono chiamati a condividere e collaborare con le istituzioni scolastiche, le famiglie e gli studenti per l’attuazione del diritto allo studio. Con questo Piano per il Diritto allo studio si sottolinea quindi come la scuola sia la centro delle politiche dell’Amministrazione comunale di Cernusco sul Naviglio contribuendo in modo sostanziale alla promozione dello sviluppo del sistema formativo quale presupposto strategico allo sviluppo della comunità”. Proprio in questa ottica, sono state introdotte importanti novità: tra le principali , il progetto di digitalizzazione delle scuole, già avviato e che si concluderà nei prossimi mesi, in base al quale è previsto da parte dell’amministrazione un contributo straordinario alle scuole secondarie di primo grado di 70mila euro per realizzare una nuova rete informatica che permetterà di ‘cablare’ tutte le aule con lavagne elettroniche, utilizzare il registro in formato elettronico, sviluppare comunicazione sempre più efficace con le famiglie e dotare di tablet gli insegnanti. Altro aspetto importante del Piano è quello che riguarda le risorse per disabili, inclusione e benessere scolastico per i quali sono stati previsti 400mila euro di investimenti. “Per la prima volta quest’anno si è scelto di erogare risorse per il sostegno scolastico non solo per interventi rivolti a bambini o ragazzi disabili con certificazione, ma anche per quelli che sono definiti ‘bisogni educativi speciali’ – spiega l’assessore Zecchini -. Crediamo, infatti, fortemente alla necessità di riconoscere non solo la disabilità ma anche altri tipi di difficoltà non certificabili”. Sul bilancio del Piano al Diritto allo Studio grande peso avrà ovviamente quest’anno il capitolo dedicato al Nuovo Polo Scolastico (oltre 2 milioni di euro) , come anche le opere di riqualificazione degli edifici scolastici, le manutenzioni (solo per quelle straordinarie sono stati investiti oltre 1 milione di euro) e gli arredi per le nuove aule. A tutto questo si aggiungono poi i servizi, come ad esempio la mensa scolastica, il trasporto, la gestione dei post e pre scuola. E poi ci sono i progetti didattici, che quest’anno puntano su tre macrotemi e che sono realizzati grazie alla fitta rete creata negli anni con associazioni del territorio, scuole e Comune: l’educazione interculturale, l’educazione alla cittadinanza e all’affettività consapevole nel rispetto di genere. “Questo è il nono Piano di Diritto alla Studio che approviamo e realizziamo dall’inizio del nostro primo mandato nel 2007 – ha detto il sindaco Eugenio Comincini -. Lo presentiamo con orgoglio e soddisfazione, quest’anno ancor di più per la presenza del progetto del Nuovo Polo Scolastico e del progetto di digitalizzazione delle scuole, due temi importanti del programma elettorale del 2012. E’ significativo come in questi anni, nonostante la riduzione complessiva delle risorse a disposizione dei Comuni, la nostra attenzione al mondo della scuola (servizi ed investimenti) non sia mai calata, ma abbia anzi consentito di migliorare l’offerta complessiva delle nostre scuole”.

 

 

Tags: , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Giugno 2022

Seguici:

INSTAGRAM