venerdì, 21 Febbraio, 2020

Il progetto, presentato dai comuni di Cinisello e Sesto insieme a Milano, è stato inserito da Città Metropolitana nella delibera di candidatura al bando per riqualificare le periferie

Parola d’ordine: rigenerare. Il progetto “Rigenerazione urbana nel Nord Milano”, presentato dai comuni di Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni insieme a Milano, è stato inserito da Città Metropolitana nella delibera di candidatura al bando nazionale per la riqualificazione delle periferie. Il progetto, redatto congiuntamente dai due comuni del Nord Milano e dal valore complessivo di 12 milioni di euro, prevede diversi interventi. A Cinisello Balsamo si prevede il recupero architettonico e la riqualificazione urbana con funzioni sociali della Cascina Cornaggia, la realizzazione del ponte ciclopedonale e il potenziamento delle piste ciclabili connesse tra il Quartiere Crocetta e il Quartiere Rondinella, la riqualificazione sociale della scuola Bauer nel Quartiere Villa Rachele e l’attivazione del Progetto di Comunità tra i quartieri che si strutturano lungo il viale Fulvio Testi/SS36. A Sesto San Giovanni sono previsti tre interventi: la creazione di uno skatepark, l’ampliamento del parco Media Valle del Lambro tramite la realizzazione della “Terrazza Bottoni” e l’interramento dell’elettrodotto di proprietà TERNA all’interno del parco Adriano, al confine tra Sesto e Milano. I progetti del Nord Milano sono stati selezionati dalla Città Metropolitana all’interno di una più ricca ed articolata proposta progettuale (sviluppata dai Comuni di Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni) che, grazie al supporto tecnico del PIM, ha saputo tenere insieme i contenuti del Piano Strategico della Città Metropolitana di Milano (recentemente approvato) e gli obiettivi del Bando ministeriale.

“L’idea di progetto – ha commentato l’Assessore all’Urbanistica Maurizio Cabras –, si fonda sulla radicale reinterpretazione dei “significati” e delle “funzioni” dei quartieri e dell’asse urbano del Fulvio Testi e della SS36. Un modello di sviluppo urbano sul quale si è strutturato e rafforzato nel tempo un processo di periferizzazione, non solo di scala metropolitana tra il centro della città capoluogo e i comuni contermini, ma anche di scala locale tra i centri storici dei diversi comuni e i quartieri periferici di più recente formazione”. “Gli interventi previsti dalla candidatura – hanno commentato sul fronte sestese l’Assessore all’Urbanistica Edoardo Marini e all’Ambiente Elena Iannizzi – hanno l’obiettivo di creare una cerniera tra il Parco Lambro e il Parco della Media Valle, riqualificando e ampliando l’area verde e ricucendo il tessuto urbano. L’interramento dell’elettrodotto – oltre ad essere un tema da tempo discusso e affrontato insieme agli abitanti della zona – ha anche il compito di rendere il parco più vivibile, migliorare la qualità paesaggistica e collegare il quartiere Adriano di Milano al quartiere Cascina Gatti di Sesto”. “Il bando nazionale sulla riqualificazione delle periferie – hanno dichiarato le Sindache Siria Trezzi e Monica Chittò – è un’occasione imperdibile per dare un nuovo volto a luoghi importanti della città, risolvendo problemi difficilmente affrontabili da una singola amministrazione comunale. Siamo convinte che il grande lavoro svolto dagli uffici dei Comuni, che in tempi rapidi hanno elaborato un progetto serio e di qualità, e il supporto della Città Metropolitana daranno grandi chance per accedere ai finanziamenti nazionali”.

Tags: , , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Febbraio 2020

Seguici: