martedì, settembre 25, 2018
Sì dell’Aula al bilancio del Consiglio Regionale

Con i tagli ai costi della politica finanziati interventi contro il disagio sociale e progetti solidarietà per le popolazioni colpite dal terremoto. Attivate borse di studio e tirocini

Tagli, risparmi, efficienza. Nel bilancio di previsione del Consiglio Regionale, approvato questa mattina dall’Aula con 48 voti a favore e 6 astenuti, sono presenti i risultati di cinque anni di impegni, presi da inizio legislatura, per consentire risparmi ed economie di spesa e rendere la macchina del parlamento regionale lombardo funzionale ed efficace. I risultati, elencati dal Vice Presidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti (Lega Nord), relatore del provvedimento, sono eloquenti. “Nel corso degli ultimi cinque anni -ha detto Cecchetti – il Consiglio regionale con il taglio ai costi della politica e alle spese ha risparmiato 8 milioni e 550 mila euro. Si tratta di risorse importanti che il Consiglio ha poi utilizzato per dare risposte alle aree del disagio sociale e come atto concreto di solidarietà anche verso le popolazioni di altre regioni colpite dal terremoto. Importante poi è stato l’avvio di uno specifico programma di borse di studio e di tirocini formativi che ogni anno viene finanziato proprio con i risparmi dell’Assemblea regionale e che coinvolge decine di giovani”.

“Il bilancio del Consiglio regionale approvato a larga maggioranza anche quest’anno si dimostra oculato e orientato alla buona gestione –ha sottolineato il Presidente Raffaele Cattaneo (Lombardia Popolare)-. Come dimostrato nel corso di questa legislatura, l’azione amministrativa è stata condotta tendo conto del contenimento dei costi e condivisa per favorire un funzionamento efficiente a favore dei cittadini lombardi attraverso due principi cardine: il costo pro capite minore di tutto il nostro Paese e la qualità e il lavoro dell’intera Assemblea regionale“. Nel corso del dibattito in Aula sono intervenuti anche la Vice Presidente Sara Valmaggi (PD) che ha evidenziato come “è positivo che si sia andati verso un contenimento dei costi durante questa legislatura, sia grazie a scelte autonome sia per effetto delle nuove normative nazionali” e il Consigliere Segretario Eugenio Casalino (M5Stelle), secondo cui “è senz’altro apprezzabile lo sforzo di contenimento e di riduzione delle spese, anche se la razionalizzazione dei costi  avrebbe potuto essere ancora più organica e doveva riconsiderare gli impegni finanziari sui patrocini”. Per la prima volta il bilancio di previsione del Consiglio regionale della Lombardia scende sotto i 60 milioni.

La seduta prosegue con il dibattito e l’illustrazione dei provvedimenti finanziari della Regione: all’ordine del giorno il Collegato ordinamentale, la Legge di Stabilità e il Bilancio di previsione 2018-2020 di Regione Lombardia (relatore il Presidente della Commissione Bilancio Alessandro Colucci). Il voto finale è atteso per domani. Il Consiglio regionale tornerà poi a riunirsi in sessione ordinaria giovedì 21 dicembre alle ore 10.  All’ordine del giorno sono previsti diversi progetti di legge: le modifiche alla legge elettorale regionale; le modifiche al testo unico in materia di parchi regionali, con l’ampliamento dei confini del Parco delle Groane e l’accorpamento della riserva naturale Fontana del Guercio con il parco locale di interesse sovraccomunale della Brughiera Briantea; nuove norme per la promozione e lo sviluppo dei territori montani interessati da impianti di risalita; le modifiche al testo unico in materia di Protezione civile. Il Consiglio sarà chiamato a votare anche la proposta di atto amministrativo che modifica i confini e le misure di tutela della riserva naturale Valli del Mincio.

 

Tags: , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Leggi Metropolis

Luglio 2018

Seguici:

Centro Ortopedico Rinascita