Sala consiliare gremita per le benemerenze civiche

Sala consiliare gremita per le benemerenze civiche

«La cerimonia di attribuzione delle Benemerenze civiche rappresenta uno dei momenti più importanti per la nostra città. È il momento in cui premiamo le eccellenze, non solo professionali, ma anche sociali, di persone che si sono spese per gli altri e con il loro esempio ci hanno indicato la strada del modo di vivere insieme, per fare della nostra città non un semplice insieme di cittadini, ma una vera comunità». Con queste parole la sindaca Ivonne Cosciotti ha introdotto la giornata di festa cittadina dell’attribuzione delle Benemerenze civiche, la ventesima, tenutasi sabato 16 dicembre nella Sala consiliare, gremita di cittadini. La cerimonia si è aperta con l’introduzione musicale del Corpo musicale S. Andrea, che ha poi allietato i presenti durante tutto il pomeriggio, accompagnando le premiazioni. Primo salire è stato Gabriele Sacchi, premiato con la borsa di studio Marini. Il giovanissimo allievo quattordicenne del Civico Istituto Musicale Puccini, studente di pianoforte, si è poi esibito suonando il primo movimento, l’Allegro, della sonata in Do Maggiore K 545 di Mozart. Poi uno dopo l’altro è stata la volta delle Medaglie d’Onore.

La prima è stata consegnata alle nipoti di Elena Ferrari, sagrestana della parrocchia Maria Regina di Pioltello nuovo, scomparsa nel luglio scorso, dopo una lunga malattia. Nella motivazione si legge: “Elena Ferrari era donna di poche parole. Il suo stile era la presenza silenziosa. Lei c’era sempre, per tutti e per tutto, con garbo e discrezione, ma testimoniando che il servizio alla comunità è il più alto valore cui aspirare, che l’ascolto e il rispetto sono alla base di ogni rapporto umano ed elementi essenziali per la crescita di una comunità – il testo della pergamena si conclude, con la proclamazione che recita: – Riconoscendo in Elena Ferrari straordinarie doti umane e una figura esemplare nel “farsi prossimo” per la propria collettività, alla quale ha dedicato la sua intera esistenza, la sindaca Ivonne Cosciotti, su proposta della Giunta e a nome dell’Amministrazione comunale tutta, assegna alla memoria di Elena Ferrari la Medaglia d’Onore quale Cittadina Benemerita con iscrizione all’Albo d’onore a pubblica memoria”. La seconda Medaglia d’onore è stata attribuita a Pierino Mazoli, giovanissimo partigiano, scomparso nel settembre scorso, a 87 anni, e consegnata al figlio. La motivazione così recita: “Pierino era conosciuto anche come “Briciola”, soprannome a lui attribuito ai tempi della guerra di liberazione, alla quale partecipò, a soli 14 anni, come staffetta in una formazione garibaldina operante nell’appennino parmense, a rischio della sua giovane vita. Trasferitosi a Milano nel dopoguerra per motivi di lavoro è stato sempre impegnato, con umiltà e tenacia, sul piano politico, sociale, culturale e civile per la difesa e l’attuazione dei principi e dei valori della Resistenza, alla base della Costituzione della Repubblica Italiana: libertà, uguaglianza, solidarietà e giustizia sociale –. La proclamazione si è conclusa con le
seguenti parole  –. Per l’impegno umano e sociale che ha svolto nel territorio del nostro Comune, per come, con il suo esempio, ha saputo trasmettere i valori della libertà, uguaglianza, solidarietà e giustizia sociale, la sindaca Ivonne Cosciotti, su proposta della Giunta e a nome dell’Amministrazione comunale tutta, assegna alla memoria di Pierino Mazoli, detto “Briciola”,  la Medaglia d’Onore quale Cittadino Benemerito con iscrizione all’Albo d’onore a pubblica memoria”. La terza Medaglia d’onore è stata consegnata Katia Osti, scomparsa il marzo scorso, poco più che 50enne. La donna, dirigente sportiva apprezzata, è stata, si legge nella motivazione, “elemento di coesione, inclusione e forza nell’Associazione Basket Pioltello dove, con competenza tenacia e passione, ha contribuito a creare una realtà sportiva riconosciuta e stimata nell’ambito dello sport lombardo. Il suo impegno umano a favore della crescita civile, sportiva e sociale delle giovani generazioni ha permesso di far crescere persone appassionate non solo dello sport ma anche della vita -. Sul palco a ritirare la medaglia il marito Ivo, che ha ascoltato commosso la proclamazione  – Per l’impegno umano e sociale che ha svolto nel territorio del nostro Comune, per la crescita civile, sportiva e sociale cui ha dato un grande contributo, la sindaca Ivonne Cosciotti, su proposta della Giunta e a nome dell’Amministrazione comunale tutta, assegna alla memoria di Katia Osti la Medaglia d’Onore quale Cittadina Benemerita con iscrizione all’Albo d’onore a pubblica memoria”.

A seguire sono state attribuiti gli Attestati di benemerenza a Vincenzo Tarchini, promotore e fondatore, nel 1976, della Associazione Sportiva Dilettantistica VDK Pioltello, con la seguente motivazione: “Il Maestro e l’Associazione svolgono da oltre un quarantennio l’attività sportiva con ragazzi e giovani in uno dei quartieri più complessi della nostra Città, il Satellite, meta di flussi migratori continui, dove la disciplina sportiva ha la capacità di trasmettere anche i valori della convivenza civile, la tolleranza, la legalità”. Ultimo premiato – dulcis in fundo, come ha detto la sindaca Cosciotti – l’Associazione culturale ConteatroVivo, fondata nel 2004 da Maurizio Felisati, Doriana Carcano e Maria Borgato, che hanno ritirato il riconoscimento. Nella motivazione si legge: “ConteatroVivo è sempre stata sensibile alle istanze del sociale, organizzando nel corso degli anni numerose repliche per raccogliere fondi da destinare in beneficenza (tra queste quelle a favore dei terremotati), offrendo spettacoli agli ospiti della Casa dell’Accoglienza di viale Ortles di Milano, partecipando a progetti di coesione sociale nel quartiere di Seggiano, come “Propolis”, e “Storie in Barona”  nell’omonimo quartiere di Milano. Nel 2017 ConteatroVivo ha avviato il progetto di alternanza scuola lavoro con il liceo Machiavelli di Pioltello “4800 minuti”, durante il quale ha saputo coinvolgere gli allievi della classe 3A del liceo classico in un’esperienza teatrale a tutto tondo”. Dopo applausi, commozione e musica, la giornata di festa cittadina si è conclusa con un piccolo aperitivo-rinfresco, offerto dall’Amministrazione comunale, e con arrivederci a tutti i cittadini per la cerimonia del dicembre del 2018, che sarà la ventunesima.